Dirty John – la storia di Betty Broderick: una donna dai mille volti

Netflix Italia da qualche settimana ha lanciato la seconda stagione di Dirty John – incentrata sulla storia affascinante e al tempo stesso inquietante di Betty Broderick.

Se volete capire la serie TV è importante iniziare dai primi anni ottanta quando Betty era una giovane studentessa universitaria con un solo obiettivo: insegnare. Una ragazza di umili origini con una famiglia instabile alle spalle, molto bella esteticamente con delle idee chiare (non facile a quei tempi). La vita di Betty è semplice, è solo una ragazza che rincorre un sogno, ma ad un certo punto questo percorso viene interrotto dall’arrivo di Dan uno studente di medicina ( e poi successivamente di legge). Il giovane perde la testa per Betty e la sposa quasi subito. Una relazione apparentemente perfetta che però farà fare tante rinunce a Betty e la metterà in secondo piano rispetto alle ambizioni del neo sposo.

La convivenza tra i due giovani non è per niente facile, Betty si: occupa della casa, dei bambini, lavora come baby sitter per coprire le spese, fa sacrifici costanti (si lava persino con l’acqua fredda o rinuncia al riscaldamento). Dan studia, usa la moglie come una piccola assistente e ha un solo obiettivo diventare spaventosamente ricco. Già da qui ci si rende conto di chi in casa abbia dovuto fare maggiori rinunce e ingoiare molti rospi.

Dopo anni di alti e bassi Dan e Betty riescono finalmente ad acquisire una posizione di rilievo nella società, infatti: comprano una bella casa, iniziano a frequentare le persone giuste. Sembra andare tutto bene il rapporto tra Betty e Dan è invidiato da tutti, Betty diventa la regina delle feste (organizza, convoca, mostra uno sguardo sorridente e disponibile a chiunque si trovi in difficoltà) e Dan è il super talento pronto a risolvere ogni controverso caso.

Ecco che la narrazione si fa interessante e tutto prende una piega inaspettata, Dan lascia uno studio legale importante e avvia la sua attività in proprio, nella stessa sede va a lavorare Linda una giovane ambiziosa segretaria/addetta al front office. Tra Linda e Dan nasce una forte simpatia che si trasforma in amore, Dan dopo aver consultato un legale divorzista (lui era specializzato in cause alle ditte farmaceutiche ed ospedaliere) inizia a chiudere i conti correnti, a nascondere beni e proprietà in modo da lasciare il meno possibile alla futura ex moglie.

Betty intuisce il possibile tradimento del marito e lo interroga (mettendolo spesso alla prova), Dan la illude e le racconta un sacco di bugie tanto che le fa credere di essere quasi pazza, di immaginare una storia clandestina niente di più. Solo dopo due anni Dan finalizza il divorzio e presenta le carte. Betty non si era immaginata nulla, era tutto vero.

Linda diventa la nuova Betty, inizia a frequentare i suoi amici, va a vivere in una casa più grande e lussuosa ed educa i suoi figli. Una situazione insopportabile per Betty sia a livello fisico e mentale.

Betty non vuole accettare la decisione di Dan di separarsi e poi divorziare, non si affida ad un legale, non si presenta a degli appelli e finisce per ottenere poco e nulla. La nostra sfortunata protagonista perde anche l’affidamento esclusivo dei figli e le viene imposto di parlare con uno psicoterapeuta una volta a settimana (il sostegno psicologico in questo caso non l’ha aiutata per niente). Betty specialmente dopo aver ottenuto il divorzio inizia ad accumulare dentro di sé: rabbia, gelosia, odio verso Dan che l’ha solo usata. Tutte queste emozioni la portano a dei comportamenti sgradevoli come: messaggi volgari lasciati all’ex marito in segreteria, invasioni nella proprietà privata e scenate in pubblico. Betty non riesce a lasciarsi alle spalle Dan e tutto quello che ha dovuto sacrificare per lui, tanto che una notte prende la pistola e… La seconda stagione di Dirty John racconta passo dopo passo come Betty sia arrivata ad un’azione così estrema e drammatica. Nel cast due attori validi e conosciuti: Christian Slater e Amanda Peet. Buona visione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *